C’era una volta Atatürk: il sogno infranto

23 luglio 2016

Per lungo tempo la Turchia ha dato prova di essere il Paese più moderno tra quelli a maggioranza musulmana, trovandosi così a incarnare l’ideale di una società possibile, nella quale l’Islam si integra con i valori del mondo occidentale. Un ideale in cui tanti hanno sperato dopo il secolare conflitto tra Europa e Impero Ottomano. Quel Paese, la Turchia repubblicana e liberale di Atatürk, ha resistito, negli anni, a tentativi di golpe e derive islamiste, difendendo a più riprese democrazia, diritti umani e laicità, ma oggi – bisogna prenderne atto – non esiste più.

Mentre in Europa continuano ad alternarsi notizie di folli spargimenti di sangue nel nome del Profeta, in Turchia, dove la popolazione la scorsa settimana ha sventato un colpo di stato ordito dai militari, Erdoğan è diventato padrone incontrastato del Paese. Il Presidente, che già prima del tentato golpe si era distinto per le posizioni islamiste e una politica autoritaria, è uscito più forte dal fallimento del golpe. E quella di oggi è una Turchia che poco ha a che vedere con il sorprendente compromesso realizzato da Atatürk: la Turchia di Erdoğan reintroduce la pena capitale, sospende la convenzione europea dei diritti umani, arresta giornalisti e dissidenti.

Non ci è dato sapere come l’Europa reagirà a questa escalation, se resterà a guardare o proverà a prendere provvedimenti contro un Paese ormai fuori controllo, ma una cosa è certa: l’attuale deriva riporta alla realtà chi, cominciando da chi siede a Bruxelles, aveva davvero creduto nel sogno di un’integrazione possibile e si risveglia adesso con un’amara consapevolezza: le nostre culture sono ancora divise, forse destinate a rimanere storicamente inconciliabili – quella europea da una parte, quella turca dall’altra.

La battaglia di Nándorfehérvár, dipinto che ricorda l'assedio di Belgrado, che arginò l'avanzata turca in Europa nel 1456

La battaglia di Nándorfehérvár, dipinto del XIX secolo che celebra l’assedio di Belgrado, quando l’avanzata turca venne arginata nel 1456