Tag Archives: famiglia

Fertility Day: in difesa di Beatrice Lorenzin

La gente vede solo quello che vuole vedere. Soprattutto se con la coda di paglia o in malafede. Basterebbe questa frase per archiviare l’intera polemica sul Fertility Day, ideato e promosso dal Ministro della salute, Beatrice Lorenzin. Ma vediamo di capire perché il polverone sollevato dalle cartoline promozionali dell’iniziativa, oltre che pretestuoso, è anche fuori luogo. Quando si analizza un testo bisogna sempre tenere presente chi quel messaggio l’ha confezionato. Si tratta del più elementare processo di decodifica, grazie al quale possiamo inquadrare il senso del messaggio, evitando interpretazioni distorte. Partiamo quindi da una semplice costatazione: l’ideatore della campagna è il Ministero della Salute. Questo ci permette di inquadrare la questione della denatalità come problema sanitario. E sarebbe stato sufficiente fare un salto sul profilo Twitter della campagna per capire che l’iniziativa mirava solo a sensibilizzare sull’importanza della salute riproduttiva. Che cosa c’entrano, allora, tutte le accuse di fascismo, maschilismo, sessismo che abbiamo letto in questi giorni? Ma soprattutto: che cosa c’è di sbagliato in un Ministero della Salute che ricorda ai propri cittadini che fattori come fumo e obesità possono compromettere la fertilità o che la maternità presenta limiti temporali? Non è forse vero che, dopo una certa età, la procreazione, oltre che difficoltosa, espone a seri rischi sia la madre sia il nascituro? E allora quale sarebbe l’atto vile e barbaro di cui è responsabile la Lorenzin? E perché, per esempio, quando il Ministero della Salute mette in guardia dai rischi legati alla guida in stato di ubriachezza, non… Leggi tutto »

Svezia Paese modello? Sì, da non seguire

La Svezia rientra nel novero di Paesi con cui tendiamo a misurare la nostra mediocrità. L’Italia è un Paese corrotto, amministrato da una classe politica inadeguata; i servizi spesso non sono all’altezza, la disorganizzazione è evidente a tutti i livelli; la qualità della vita peggiora di anno in anno; abbiamo tra i salari più bassi d’Europa, i diritti dei lavoratori vengono calpestati di continuo e in quanto a diritti civili siamo forse ancora più arretrati. Poi ci sono Paesi come la Svizzera, la Germania, la Danimarca e, appunto, i Paesi scandinavi: organizzati, civili, dove la qualità della vita raggiunge standard per noi impensabili. Eppure non è tutto oro ciò che luccica. E il discorso vale anche per la Svezia, un Paese che sulla carta sembra perfetto, un modello di civiltà a cui tendere, ma che a ben vedere presenta anche forti debolezze. La Svezia può sicuramente vantare una democrazia più evoluta, un tenore di vita elevato e un’organizzazione di primo livello, ma è anche il triste risultato di un esperimento sociale che ha portato alla completa dissoluzione di qualsivoglia spirito di comunità. “La teoria svedese dell’amore”, l’ultimo film di Erik Gandini, regista nato in Italia da padre italiano e madre svedese, riassume egregiamente tutto ciò e, alla odierna società svedese, contrappone le parole del sociologo polacco Zygmunt Bauman e una realtà completamente diversa, l’Etiopia, che non conoscerà mai il tipo di benessere che è possibile sperimentare in Svezia, ma da cui il Paese scandinavo avrebbe molto da imparare, soprattutto sul… Leggi tutto »

Unioni civili: sia il popolo a dirimere la questione

Su queste pagine, per restituirvi un identikit del titolare del sito, ho usato le seguenti parole: «uomo, bianco, sulla trentina, italiano, non più residente in Italia». Alla descrizione avrei potuto aggiungere «scapolo, eterosessuale». Non l’ho ritenuto pertinente, eppure scapolo ed eterosessuale sono termini particolarmente carichi di significato. Se infatti dovessi mai decidere di convolare a nozze con una donna, potrei certamente farlo. E’ un diritto che ho di fatto ereditato con il mio orientamento sessuale. C’è invece chi in Italia, oggi, questa possibilità non ce l’ha. Proprio in questi giorni si parla molto di genere, orientamento sessuale, matrimonio. Personalmente non ho nessun pregiudizio verso un’eventuale estensione di un diritto che io ho di fatto ereditato, mentre altri faticano ancora oggi a avere riconosciuto. Ma la questione delle unioni civili non può essere archiviata con questa leggerezza. Il dibattito, d’altra, parte, è viziato da insopportabili polarizzazioni. Pensiamo a SvegliaItalia e Family Day. In fondo si tratta di iniziative speculari. Rappresentano due approcci ideologici inconciliabili: uno inclusivo, l’altro esclusivo. Quella a cui assistiamo è dunque una faida tra due sordi che che continuano a urlare l’un l’altro la propria verità. Cosa, questa, che preclude ogni possibilità di dialogo – quello sano, intendo. Parafrasando Villaggio / De André, è mai possibile, o porco di un cane, che le questioni in codesto reame debban risolversi tutte con scontri tra ultras? Nulla in Italia viene risparmiato a inutili strumentalizzazioni e partigianerie. In questo caso mi pare più che mai fuori luogo. Già, perché il discorso sulle unioni civili apre una questione ancora… Leggi tutto »